Intuito: quante volte lo usiamo e come ci cambia la vita?

Quando vivevo in Italia con i miei genitori, dopo la morte del cane da caccia dello zio, che teneva lontano ogni altro animale, molti gatti hanno cominciato a venire nel nostro giardino. Io ero felicissima come sempre di avere animali perché ho sempre avuto un debole per la natura!
Quindi i gatti poi sono aumentati!
Alcuni piú selvaggi di altri, meno vogliosi di farsi accarezzare, altri super coccolosi.


Una volta, dopo diverse cucciolate, ero convinta che un gattino fosse finito dentro la nostra vecchia cucina a gas, esattamente a livello delle manopole dei fornelli.
Avevo sentito dei piccoli miagolii, udibili solo se veramente si stava con le orecchie attente all’ascolto.
Quindi non sapendo come verificare se il gatto fosse lí, lo dico a mio padre.


“Guarda papá che lí dentro si
é infilato un gatto piccolo”
Lui mi dice-. “No non é possibile”
Io gli dico: “Si il gatto é lí” NO… si papá… no.. si.. no… si… no…

Il mio intuito continuava a dirmi che il gatto era lí, cosí ho insistito.
Mio padre si mette ad ascoltare e non sente nesssun rumore… bene alla fine lo costringo a girare e smontare la cucina…


Il gatto era esattamente lí, piccolino e impaurito.


I gatti si infilano ovunque!!! Un’amica ne ha trovato persino uno infilato nella ruota di un camion, e se non avesse dato retta al suo intuito il camionista probabilmente non se ne sarebbe accorto e il povero gattino sarebbe morto.

Quindi ho capito una cosa importante: gli animali a volte si infilano nei posti piú inaspettati!!

Vivere con Intuito Vivere con Intuito
Riscopri la tua capacità di avere buone intuizioni
Francesco Martelli, Carmelo Carlo Fiorito

Compralo su il Giardino dei Libri

L’intuito nella vita

Comunque ho capito anche un’altra cosa importante.
C’é sempre una voce dentro di noi, saggia e consapevole, presente sempre, fin da piccoli.
Una voce che non ha etá, che probabilmente ascoltiamo molto piú da piccoli perché meno contaminati da limiti mentali.
Quella voce ci dice un sacco di cose, a volte la ascoltiamo a volte no…

Quelle volte che non la ascoltiamo é perché la nostra mente comincia a dire “No, é impossibile”, “Ma sei pazza”, “Non si puó fare”… e questo avviene in tanti contesti e situazioni.


Forse la mente di mio padre non concepiva come il gatto avesse fatto ad infilarsi lí. Ma alla fine non conta il come, conta che fosse successo, che fosse veramente lí.
Il fatto che la sua mente non lo credesse possibile non voleva dire che non potesse essere successo.
Il fatto che il gattino non si vedesse non voleva dire che non ci fosse.


La mente non concepisce molte cose perché cerca di spiegare tutto razionalmente. Alcune cose non si possono vedere con gli occhi della mente ne con la semplice vista.
Ci sono cose che si possono fare solo quando diamo ascolto alla nostra voce interiore, al nostro intuito.
Quello che ci fa capire dove é un gattino, quello che ci dice “Qui c’é qualcosa che non va”, oppure “Oggi cambia strada”…
Chiamatelo intuito o sensto senso…
Ma é quello che piú spesso dovremmo ascoltare…
a volte, addirittura per salvare noi stessi…

“E, cosa più importante di tutte, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione. Essi sanno già cosa volete davvero diventare; tutto il resto è secondario.”

Steve Jobs

E tu che ne pensi?

Lasciami un commento, la tua opinione è importante per me!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.